≡ Menu
Ciclo annuale

L'intera creazione, compresi tutti i suoi livelli, si muove costantemente secondo cicli e ritmi diversi. Questo aspetto fondamentale della natura è riconducibile alla legge ermetica del ritmo e della vibrazione, che condiziona continuamente ogni cosa e ci accompagna per tutta la vita. Per questo motivo ogni persona, che ne sia consapevole o meno, si muove secondo un’ampia varietà di cicli. Ad esempio, c'è una grande interazione con le stelle e i transiti (Movimenti planetari), che hanno un effetto diretto su di noi e, a seconda del nostro orientamento interiore e della nostra ricettività (Tipo energetico), influenzano in modo significativo la nostra vita.

Tutto si muove sempre in cicli

Tutto si muove sempre in cicli

Ad esempio, non solo il ciclo mestruale della donna è collegato al ciclo lunare, ma gli esseri umani stessi sono direttamente collegati alla luna e di conseguenza sperimentano nuovi impulsi, stati d'animo ed effetti, a seconda della fase lunare e del segno zodiacale. Questa circostanza è estremamente naturale per la nostra prosperità interiore e può anche essere fonte di ispirazione se viviamo direttamente secondo i cicli della natura. Uno dei cicli più grandi e molto importanti, il cui controllo è stato completamente perso nel secolo scorso e in sostanza è stato completamente distorto molto tempo fa a scapito del nostro ritmo naturale, ma che per noi è della massima importanza, è il ciclo ciclo annuale, attraversato da tutta la natura Durante l'anno si susseguono diverse fasi in cui la fauna e la flora assumono nuove forme e stati. Nella prima metà del ciclo, la natura innanzitutto sboccia, si schiude, si espande, diventa più leggera, più calda, fruttuosa ed è completamente orientata alla crescita o al nuovo inizio, all'abbondanza e all'attivazione. Nella seconda metà dell'anno la natura si ritira nuovamente. Tutto diventa più scuro, più freddo, più silenzioso, più rigido e diretto verso l'interno. È la fase in cui la natura ritorna al segreto. Per noi esseri umani la situazione è simile, almeno in una certa misura. Mentre in primavera e in estate sentiamo il bisogno di uscire nel mondo e vogliamo manifestare nuove circostanze piene di vigore e voglia di agire, in autunno e in inverno ci concentriamo sulla calma e vogliamo abbandonarci a stati meditativi, a volte anche in modo del tutto automatico. . In definitiva, un simile approccio è di gran lunga la cosa più naturale che possiamo fare, cioè in autunno e inverno ci riposiamo, ci ricarichiamo di energia vitale attraverso il riposo e in primavera/estate ci concediamo un'espansione e uno spirito di ottimismo (scarichiamo e utilizziamo questa energia, anche se ovviamente va detto che ci ricarichiamo anche nelle stagioni soleggiate. Quindi penso che tu sappia dove voglio arrivare con questo passaggio).

La torsione del ciclo annuale

La torsione del ciclo annualeTuttavia, questa circostanza non è sempre osservata, anzi. In questo contesto, l’umanità vive secondo un ciclo annuale completamente progettato contro il nostro orologio interno. Ciò ovviamente non sorprende, il mondo illusorio che ci circonda è stato costruito in modo tale che tutte le circostanze, i meccanismi e le strutture hanno lo scopo di portarci fuori dal nostro bioritmo naturale, cioè tutto è stato creato appositamente per mantenere lo spirito umano in uno squilibrio (da un lato).nella malattia), d'altra parte, in una mancanza di connessione con la nostra vera natura. Se viviamo completamente in armonia con i ritmi naturali e siamo in armonia con la natura, le stelle e i transiti, allora questo promuove notevolmente lo sviluppo del nostro sé divino più elevato. Tuttavia, il ciclo annuale è stato interpretato in modo contrario alla nostra vera natura. Due aspetti principali sottolineano immensamente questo fatto. Il punto più importante è che il vero anno non inizia in pieno inverno, ma piuttosto in primavera, quando il ciclo solare ricomincia con l’equinozio di primavera del 21 marzo e il sole si sposta dal segno zodiacale dei Pesci (l'ultimo carattere – fine) cambia il segno zodiacale Ariete (il primo carattere – inizio). In questo giorno tutto è orientato verso un nuovo inizio, così come l’equinozio di primavera dona alla natura un impulso attivatore che permette che tutto sia orientato verso la crescita e la prosperità. Non per niente questo giorno è considerato l'inizio astronomico dell'anno. Tuttavia, all’interno del nostro ciclo annuale, celebriamo il nuovo anno nel cuore dell’inverno e questo è completamente contrario alla nostra natura interiore. Dicembre, gennaio e febbraio rappresentano la pace interiore, il ritiro, il rilassamento, la conoscenza e non portano alcuna qualità di nuovi inizi o nuovi inizi. Il celebre passaggio dal 31 dicembre al 01 gennaio significa quindi puro stress e squilibrio per la nostra energia e il nostro bioritmo. Celebriamo il passaggio al nuovo, intraprendiamo la realizzazione di nuovi progetti e siamo generalmente orientati verso tale stato dal sistema e dalla società. Ma poiché da un punto di vista puramente energetico siamo in pieno inverno, agiamo completamente contro il ciclo naturale e quindi contro la nostra natura interiore. È una distorsione magica nera a cui siamo sottoposti ancora e ancora anno dopo anno.

Le quattro feste del sole e della luna

Ciclo annualeIl vero inizio dell'anno avviene sempre il giorno dell'equinozio di primavera a marzo, quando il sole cambia dall'ultimo segno zodiacale, Pesci, al primo segno zodiacale, Ariete, e la primavera è pienamente iniziata. L'ulteriore corso dell'anno vero è accompagnato dalle speciali feste delle quattro lune e dei quattro soli. Questi quattro festival rappresentano tutti importanti punti energetici dell'anno che danno inizio a una nuova fase nel ciclo naturale o segnano il culmine di una fase. Le feste del sole avviano e attivano le nuove fasi (Sole = energia maschile – attivazione) e le feste lunari segnano i momenti salienti della fase corrispondente (Luna = energia femminile – passività). Con la prima festa del sole Ostara (Equinozio di primavera) si inaugura il nuovo anno. Il prossimo festival del sole si chiama Litha (Solstizio d'estate), ci raggiunge nella terza settimana di giugno e inaugura completamente l'estate. La terza festa del sole si chiama Mabon (Equinozio d'autunno) e segna il passaggio completo all'autunno. L'ultima festa del sole si chiama Yule (solstizio d'inverno), quindi anche Yulefest (il vero sfondo del Natale) e inaugura l'inverno. Queste quattro feste solari guidano il ciclo annuale e dettano l’energia e le attivazioni all’interno del ciclo naturale. In diretto contrasto con ciò, come già accennato, abbiamo le quattro feste lunari annuali, che nel senso originario si svolgono addirittura durante la rispettiva luna nuova o piena (che non è implementato nel calendario di 12 mesi). A cominciare da Beltane, la festa che rappresenta il culmine della primavera e che oggi si celebra con il passaggio al Primo Maggio, ma originariamente si svolgeva nel quinto plenilunio dell'anno (la quinta luna piena dall’attuale inizio sistemico dell’anno). Segue alla fine di luglio il festival lunare di Lammas, che coincide sostanzialmente con l'ottava luna piena dell'anno e segna il momento clou dell'estate. Il culmine dell'autunno è quindi alla fine di ottobre o idealmente durante l'undicesima luna nuova dell'anno con Samhain (conosciuto come Halloween) avviato. Ultimo ma non meno importante, l'Imbolc Moon Festival, celebrato all'inizio di febbraio o durante la seconda luna piena dell'anno, segna il momento clou dell'inverno. Essenzialmente, queste quattro feste del sole e della luna rappresentano i punti o i segnali all’interno del vero ciclo annuale e dovremmo vivere secondo queste feste potenti e originali.

Il ciclo annuale di 13 mesi

Il ciclo annuale di 13 mesiUn’altra svolta importante arriva con il ciclo di 12 mesi. Centinaia di anni fa, il calendario che conosciamo oggi fu creato da Papa Gregorio XIII. Introdotto verso la fine del XVI secolo e da allora è stato lo standard incontestabile del ciclo annuale. Il ciclo di 16 mesi, molto più sensato e naturale, è stato rifiutato perché la chiesa considera il numero 13 sacro e 12 empio. Poiché sappiamo che tutto è distorto per controllare e sopprimere la mente collettiva, sappiamo anche che 13 è tutt'altro che un numero sfortunato e che il calendario di 13 mesi è stato introdotto perché, come ho detto, è il nostro bioritmo naturale e quindi la nostra connessione divina. incasina. In definitiva, questo è sempre l’approccio quando si realizzano circostanze così grandi per l’umanità. Non si tratta mai di guarigione, divinità, libertà o correttezza, ma sempre di schiavitù e sottomissione della coscienza divina che potrebbe manifestarsi nell'uomo. Alla fine, questo è il nocciolo di tutto e una delle ragioni principali per cui il mondo/sistema è così sbilanciato come lo è oggi. Tuttavia, l’umanità dovrebbe vivere secondo un calendario di 12 mesi, proprio come facevano i nostri antenati o, più precisamente, le culture più avanzate. I Maya, ad esempio, vivevano secondo un calendario annuale (tzolkin), che durò 260 giorni. 13 mesi divisi in 20 giorni ciascuno. Anche il calendario celtico era basato su un anno di 13 mesi. In questo anno celtico di 13 mesi, ogni mese consisteva esattamente di 28 giorni. Ciò ha comportato automaticamente molti vantaggi naturali. Ad esempio, i giorni della settimana sono esattamente gli stessi ogni anno. In questo calendario tutti i mesi sono strutturati allo stesso modo di anno in anno, da un lato in termini di giorni della settimana e dall'altro in termini di durata. Ciò ci consentirebbe di ancorarci al ciclo annuale in modo molto più diretto e con molta più facilità. Ebbene, anche se viviamo nell’attuale anno solare distorto, in cui l’inizio del nuovo anno avviene in pieno inverno o in un momento di assoluta calma, noi stessi dovremmo cominciare ad allinearci più da vicino con il vero e naturale ciclo annuale. E ad un certo punto verrà di nuovo il tempo in cui una coscienza collettiva divina e orientata alla verità stabilirà il ciclo annuale naturale, inclusa la celebrazione delle suddette feste del sole e della luna. La vera natura può essere tenuta nascosta solo temporaneamente, ma prima o poi emergerà di nuovo completamente e avvierà una svolta. Con questo in mente, rimani sano, felice e vivi una vita in armonia. 🙂

Lascia un tuo commento